venerdì 9 giugno 2017

USB. ACCANIMENTO DELLA POLITICA REGIONALE CONTRO I LAVORATORI PRECARI SICILIANI DA TRENT’ANNI SENZA DIRITTI ED ORA AD ALTO RISCHIO DI ASSOGGETTAMENTO AL NUOVO CAPORALATO DI STATO.




Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

giovedì 8 giugno 2017

Contenzioso sul precariato pubblico siciliano. Con la questione di costituzionalità del giudice del Tribunale di Termini Imerese sui contratti a termine negli Enti Locali ed Istituzionali finisce il gioco della Regione Siciliana.



La Corte Costituzionale deciderà se la Regione in materia di contratti a termine nella Pa siciliana  ha legiferato dal 2004 in maniera difforme alla legislazione comunitaria e nazionale vigenti.

La notizia tanto attesa è finalmente arrivata! L'ordinanza di remissione alla Corte costituzionale del giudice del lavoro di Termini Imerese pone una questione che da tantissimi anni ho messo in evidenza. 

La Regione Siciliana in materia di rapporti di lavoro a termine nella PA siciliana non ha competenza esclusiva e non può legiferare in contrasto con la legislazione nazionale e ancor di più comunitaria vigenti. In particolare 2 sono le  importantissime novità poste dall'Ordinanza. 

1. La questione dell'illegittimita costituzionale dell'art 77 comma 2 della Legge Regionale 28 dicembre 2004 n 17 che prevede la non applicabilità della Direttiva n 70 del 1999 sui rapporti di lavoro subordinato a tempo determinato e di conseguenza la normativa nazionale vigente in materia; 

2. Che la violazione della Direttiva comunitaria e della legislazione nazionale porterebbero ad una proroga dei contratti a tempo determinato sine die senza giustificazioni oggettive per poterli prorogare. 

Siamo lontani dal definire i rapporti di lavoro precari delle misure assistenziali previdenziali e di workfare che tanti danni hanno procurato alla platea dei dipendenti precari siciliani. 
A questa bellissima e importantissima Ordinanza si aggiungono altre notizie importanti.

La prima è che il 13 luglio avremo l'udienza pubblica della  CGUE relativa alla remissione della causa per abuso sui dipendenti precari siciliani; 
La seconda è la fissazione delle udienze per il 12 settembre 2017 da parte della Corte di cassazione per la riforma di tutte le cause di rigetto della Corte di appello di Palermo sulla disapplicazione della Direttiva comunitaria. 
Tutto questo ovviamente sarà patrimonio di coloro i quali hanno attivato e attiveranno le tutele effettive. A presto.
Dott. Gaetano Aiello



Fai clic sul documento ORDINANZA TERMINI IMERESE per visualizzare scaricare e stampare.



Fai clic sul documento CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA - CONVOCAZIONE per visualizzare scaricare e stampare.





Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

mercoledì 31 maggio 2017

Legge regionale 27 del 29 dic. 2016: 2/3 dei precari storici andranno all'Agenzia S.p.A. Mobilitazione dal 14 giugno.

Il 29 Dicembre 2016 è stata  approvata la legge regionale n. 27 che prevede la possibilità di poter procedere alle stabilizzazioni entro il 2018 per chi ha maturato 3 anni di contratto a tempo determinato. 
Il testo del decreto MADIA prevede all'art. 20 che si può stabilizzare a richiesta  il personale precario che ha maturato tre anni di lavoro a termine ma che è stato assunto per pubblico concorso e per la restante parte la riserva del 50%  nei pubblici concorsi.
Fermo restando che il 15% del personale delle ex province dovrà transitare per mobilità nella dotazione organica degli enti locali. 

Secondo stime approssimative si desume che si potrebbero stabilizzare non più di un un terzo dei precari e il resto della platea dovrebbe confluire in una fantomatica agenzia non meglio definita dalla stessa legge 27. 
Il governo regionale tramite l'assessore Lantieri  ha annunciato di voler recepire la legge Madia che sposta il periodo delle stabilizzazioni dal 2018 al 2020 con degli emendamenti da inserire al collegato alla finanziaria in discussione all'ars dalla metà di Giugno.
Abbiamo chiesto all'assessore Lantieri di essere ricevuti  per  capire quali emendamenti saranno presentati dal governo. Siamo in attesa di un eventuale incontro.    

A questo punto ci chiediamo se sarebbe  opportuno scendere  in piazza a Palermo in massa e chiedere al governo di inserire nel collegato gli emendamenti, da noi ritenuti da sempre fondamentali, per la risoluzione del precariato in Sicilia.

1) Prevedere la stabilizzazione  di tutti i  precari  che hanno maturato 36 mesi di servizio e che   sono stati selezionati per l'assunzione a tempo determinato con procedure concorsuali O PREVISTE DALLA NORMA DI ASSUNZIONE;    

2)  Inserimento in un albo regionale in soprannumero per chi non trova disponibilità nelle dotazioni organiche;

3) Abrogazione della norma che prevede il trasferimento del 15% dei dipendenti ex provincia presso gli enti.

Considerato che il collegato alla finanziaria deve essere approvato entro il mese di giugno e che ci si appresta a nuove elezioni riteniamo fondamentale scendere in campo in massa a sostegno delle proposte sopra enunciate.
Rivolgiamo questo invito a quanti hanno ancora voglia di ribellarsi al sistema e non subire passivamente  l'iniziativa della politica che continua a tenerci schiavi. 
Ora è il momento di muoversi, ogni provincia in tempi strettissimi dovrebbe comunicare se e quanti aderiscono alla protesta per poterci organizzare di conseguenza.
Dal 14 Giugno l'USB sarà presente a palermo con un sit-in permanente, uniti e in tanti potremmo contribuire a cambiare il nostro futuro.

Il Coordinamento PEPS



Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

martedì 18 aprile 2017

USB - Richiesta dimissioni Assessore On. Luisa Lantieri

Si trasmette, per quanto di rispettiva competenza, l’unita nota di cui all’oggetto.

                       Per l’USB
                        Il Delegato Nazionale EE.LL.
                        Giovanni Savoca




Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

Dott. Gaetano Aiello - Le proposte dei precari storici siciliani per non continuare a farsi prendere in giro dopo trenta lunghi anni dai politicanti del Palazzo.

Gli emendamenti predisposti mirano a modificare l'art 3 della Legge Regionale 29 dicembre 2016 n 27 e in particolar modo ad eliminare la Resais SpA come il nuovo contenitore dei precari siciliani. Per intenderci una SpA che si dovrebbe occupare dei precari non stabilizzati presso gli Enti Locali ed Istituzionali della Regione Siciliana. 
Si interviene sulle procedure di stabilizzazione dei rapporti di lavoro precari si introduce il ruolo unico regionale ad esaurimento per la ricollocazione in posizione di fuori ruolo dei dipendenti precari siciliani non stabilizzati ad invarianza di spesa e utilizzando i risparmi derivanti dalle cassazini dei dipendenti strutturati degli Enti. 
Si interviene inoltre anche sull'art 30 della Legge Regionale 28 gennaio 2014 n 5 in materia di elenco regionale per la stabilizzazione dei LSU e LPU e sul finanziamento ordinario della Regione Siciliana alla stabilizzazione dei precari storici siciliani. Le proposte sono emendabili e sono pronto a qualsiasi confronto nel merito e sulla sostenibilità finanziaria ma anche per evitare che l'ignoranza del nostro Legislatore regionale sui pochissimi cococo ancora rimasti per la legislazione regionale abusiva illegittima faccia nuove vittime.












Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

PEPS - La solita presa in giro della Regione Siciliana ai dipendenti precari storici siciliani.

Precedentemente presentati in commissione lavoro sono stati stralciati poiché il governo  non vuole affrontare la problematica seriamente.
Facendo passare la legge 27 a pagarne le conseguenze saremo la stragrande maggioranza dei precari.
Pertanto si è  ripresentato l'emendamento che sarà incardinato in aula in fase di approvazione della finanziaria.
Dipende da noi spingerla con una manifestazione di piazza forte.
Noi come  PEPS possiamo solo coordinare ed organizzare, ma a partecipare dobbiamo essere tutti.
Non lottando abbiamo già perso se lottiamo uniti possiamo farcela.














Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

giovedì 23 marzo 2017

Parlamento Europeo - Commissione per le petizioni. Riunione di commissione del 22 03 2017. Interventi degli Avvocati Sergio Galleano e Vincenzo De Michele





Interventi dell'Avv. Sergio Galleano (al minuto 1:05:54) 
e a seguire dell'Avv. Vincenzo De Michele (al minuto 01:09:59).





Fonte: http://www.europarl.europa.eu/ep-live/it/committees/video?event=20170322-1500-COMMITTEE-PETI

Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

mercoledì 8 marzo 2017

USB - Saldo Fondo straordinario per i c.d. "lavoratori precari" degli Enti Locali. Deliberazione della Giunta Regionale del 23 febbraio 2017 n. 71.

OGGETTO: Saldo Fondo straordinario per i c.d. "lavoratori precari" degli Enti Locali - modalità attuative per l'erogazione del saldo 2016 della quota-parte del Fondo ex art. 30, comma 7, della legge regionale n. 5/2014 e s.m.i. ( Circolare Dirigenziale del 01 marzo 2017 n. 4 prot. 3439 afirma del Dirigente Generale Dipartimento Autonomie Locali Arch. Giuseppe Morale ).
Deliberazione della Giunta Regionale del 23 febbraio 2017 n. 71.- “Misure urgenti a favore dei soggetti con disabilità gravissima.” (Nota prot. 8642 a firma del Dirigente
Generale Dipartimento Lavoro Dott.ssa Maria Antonietta Bullara).



Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

venerdì 10 febbraio 2017

USB - Nota per la V e II Commissine Parlamentare - ARS



Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.

giovedì 9 febbraio 2017

Comunicato PEPS (Precari Enti Pubblici Siciliani) del 09 febbraio 2017 - Senato della Repubblica l’Emendamento 1.57



Nel mese di gennaio 2017, durante la  fase di conversione  del decreto legge 30 dicembre 2016, n. 244 (decreto mille proroghe),  è stato presentato al Senato della Repubblica l’Emendamento  1.57 che prevede   la proroga finalizzata alla stabilizzazione di tutti i precari storici siciliani degli enti pubblici ed enti diversi  in pianta organica e in subordine in un ruolo unico regionale ad esaurimento.


Durante la seduta del  26/01/2017 la 1° commissione permanente del senato dichiara che l'attenzione parlamentare e le conseguenti deliberazioni potranno riguardare esclusivamente le correzioni e le integrazioni al decreto che sono effettivamente possibili. Riconosce, tuttavia, che in alcuni casi risultano sacrificate a priori proposte non solo ragionevoli, ma sovente condivisibili, che in ogni caso potranno trovare collocazione in altri provvedimenti.


Ancora una volta, dopo che gli emendamenti  nel passato sono stati valutati positivamente e dichiarati ammissibili, si vuole ribadire che il lavoro svolto dal comitato PEPS,  con l’ausilio di esperti, consapevoli  di non possedere da soli tutto il sapere in materia, nella formulazione di proposte risolutive alla problematica precariato,  risulta efficace e va nella direzione e  nell’interesse della platea tutta.


Nella consapevolezza di sapere cosa si dice e cosa si fa, assumendoci la responsabilità in prima persona, da sempre disponibili al confronto, accettare e fare proprie quelle critiche costruttive volte alla risoluzione del precariato, andiamo avanti nella consapevolezza di fare la cosa giusta nell’interesse della categoria, tralasciando quelle critiche che provengono da chi per interesse economico e politico operano dietro le quinte e scendono a patti con il sistema nostro nemico.


Allo stesso tempo non riusciamo a capire come da un lato  si critica la politica “considerata vuota di contenuti e di prospettive” e dall’altro se ne condivide il modus operandi contribuendo a redigere una  legge che non prevede la stabilizzazione di tutti i precari negli enti dove prestano l’attività lavorativa da quasi un trentennio, ma in una fantomatica agenzia  “Resais” considerata già non ammissibile dalla Camera dei Deputati.


Riteniamo fondamentale il lavoro svolto fin qua a favore  di tutta la platea dei precari, con una azione congiunta di proposte e azioni che ha visto il suo apice nel 2015, quando veramente eravamo ad un passo dall’ottenere quanto auspicato.


Il 2016 è trascorso con alti e bassi, senza che i precari ritrovassero veramente quell’unità e quell’ energia bastevoli a forzare i Governi Regionale e Nazionale a scrivere una vera norma per la stabilizzazione.


Riteniamo  che l’anno 2017 possa essere fondamentale per il nostro futuro.
Noi come coordinamento stiamo continuando il nostro lavoro che prevede incontri istituzionali per sensibilizzare e spingere  la politica verso una soluzione dignitosa e che prevede la stabilizzazione  di tutta la platea dei precari storici siciliani dopo quasi trent’anni .


Il nostro impegno sarà costante e faremo in modo che gli emendamenti che prevedono  la stabilizzazione definitiva di tutta la platea possano essere presentati in parlamento  alla prima occasione utile, ma ribadiamo che tutto il nostro impegno risulterà vano senza l’apporto totale della platea, servirà l’unità di tutti.



                                                                                                                   IL COORDINAMENTO



Senato della Repubblica.

Proposta di modifica n. 1.57 al DDL n. 2630





Senato della Repubblica.

Legislatura 17ª - 1ª Commissione permanente - Resoconto sommario n. 453 del 26/01/2017


IN SEDE REFERENTE 

(2630) Conversione in legge del decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244, recante proroga e definizione di termini




Condividi questa notizia per diffonderla ai tuoi colleghi precari! Se vuoi seguire questa ed altre notizie simili metti "MI PIACE" nella pagina Facebook di Basta Precari. Puoi condividere e diffondere a più visitatori la notizia utilizzando "condividi" ai social network di BastaPrecari su: Facebook, Twitter, Google+ e Youtube. Per inserire un commento a questa notizia fai clic qui sotto su "Inserisci un commento". Per comunicati, notizie o per diventare autore del blog scrivere a: bastaprecaricomune@gmail.com.